All’infanzia si potenziano abilità percettive e motorie

L’insegnamento della scrittura non è compito della scuola dell’infanzia: essa ha invece il fondamentale ruolo di preparare alla scrittura, predisponendo un terreno fertile attraverso un accurato lavoro sulle abilità di base a livello percettivo e motorio.
Pertanto alla base di qualsiasi apprendimento c’è il movimento e, proprio per questo motivo, è importantissimo far sperimentare ai bambini con il proprio corpo tutto quanto sta alla base della scrittura (orientamento nello spazio, direzioni, etc.)…proporre dunque esperienze corporee e di gioco che dapprima coinvolgano globalmente il corpo, fino a rendersi progressivamente più mirate alla coordinazione.

Autunno: Esplori-Amo…il giardino della scuola

Anche se i più piccoli non sanno forse ancora esattamente cosa significa autunno e cosa accade in questo periodo alla natura, i bambini certamente sentono l’aria di cambiamento ed è bene dialogare con loro, giocare  e affrontare assieme la trasformazione in atto.

Possiamo partire con l’assegnare alla stagione di passaggio, preludio dell’inverno, dei colori, dei suoni, delle sensazioni. I colori da sfoderare sono  l’arancio, il giallo e il marrone …in tutte le loro meravigliose sfumature che difficilmente riusciamo a riprodurre con le matite colorate ma proviamoci…

La creatività della Sezione Primavera

“La creatività non è altro che un’intelligenza che si diverte” (A. Einstein)

Ecco la testimonianza di alcuni lavori molto speciali proposti ai bambini della Sezione Primavera e guidati dalle Educatrici Giulia Bonetti e Anna Scarfogliero. Condividiamo con piacere queste immagini bellissime con il pubblico dei nostri lettori!

The builders of the future

unnamedCondividiamo con piacere il logo realizzato da Lorenzo Carradori per identificare la sua classe, la 2.1 della Scuola Secondaria.

Il nome del gruppo, “The builders of the future”, è stato scelto dai ragazzi stessi dopo un dibattito con il prof. Anelli, che ha poi chiesto di realizzare un logo rappresentativo.

Ha vinto quello di Lorenzo, che propone un messaggio importante: contiene infatti le parole chiave che la classe ha individuato come obiettivi da perseguire in questo anno scolastico così speciale.

Complimenti a Lorenzo per la realizzazione grafica!

Quarantene SMArt

Nonostante le prime quarantene la SMA non si ferma mai: la bellezza di stare insieme, se non si può vivere in classe, si vive a distanza!

Un gruppo classe delle terze medie è a casa, ma le lezioni proseguono con i docenti collegati da scuola.
Un gruppo classe delle terze della primaria è a scuola ma, a distanza, abbiamo la maestra che…si collega da casa.
E sempre tutto con il sorriso.
Una bella testimonianza del nostro restare uniti abbracciando uno stile di scuola più SMArt, senza perdere mai la speranza!

Alla messa di Mattei

Questa mattina un gruppo di alunni della Scuola Primaria ha assistito alla messa per Enrico Mattei. Si tratta dei bambini dei 9 anni scelti per portare avanti, quest’anno, un lavoro sul sogno dei 9 anni di Don Bosco. Anche Mattei, infatti, è stato un sognatore e la sua opera ha lasciato un’eredità importante.

Al termine della messa, la maestra Carla ha letto questa preghiera molto bella, che desideriamo condividere con il pubblico dei nostri lettori:

LA PREGHIERA DEL RIBELLE

Venne scritta durante la prigionia da Teresio Olivelli, partigiano del comasco, ucciso a 29 anni nel lager di Hersbruck per un violento calcio al ventre mentre faceva da scudo a un giovane prigioniero ucraino brutalmente pestato

SIGNORE che fra gli uomini drizzasti la Tua Croce, segno di contraddizione, che predicasti e soffristi la rivolta dello spirito contro le perfidie e gli interessi dei dominanti, la sordità inerte della massa, a noi oppressi da un giogo oneroso e crudele che in noi e prima di noi ha calpestato Te fonte di libere vite, dà la forza della ribellione. DIO Che sei Verità e Libertà, facci liberi e intensi, alita nel nostro proposito, tendi la nostra volontà, moltiplica le nostre forze, vestici della Tua armatura: noi Ti preghiamo. Signore.

TU che fosti respinto, vituperato, tradito, perseguitato, crocefisso, nell’ora delle tenebre ci sostenti la Tua vittoria: sii nell’indigenza viatico, nel pericolo sostegno, conforto nell’amarezza. Quanto più s’addensa e incupisce l’avversario, facci limpidi e diritti. Nella tortura serra le nostre labbra. Spezzaci non lasciarci piegare. Se cadremo, fa che il nostro sangue si unisca al Tuo innocente e a quello dei nostri Morti, a crescere al mondo giustizia e carità.

TU che dicesti “Io sono la resurrezione e la vita” rendi nel dolore all’Italia una vita generosa e severa. Liberaci dalla tentazione degli affetti, veglia Tu sulle nostre famiglie. Sui monti ventosi e nelle catacombe della città, dal fondo delle prigioni, noi Ti preghiamo: sia in noi la pace che Tu solo sai dare.

DIO della pace degli eserciti. Signore che porti la spada e la gioia, ascolta la preghiera di noi, RIBELLI PER AMORE.

“Alex, Pongo e il Diciassei”

9788894822540_0_0_542_75UN’ESPERIENZA SUGGESTIVA E FORMATIVA TRA ALBERI, VITA E SAGGEZZA

Mai come oggi sentiamo la necessità di essere avvolti – e travolti – dalla bellezza. Questa è anche la grande sfida di chi lavora con i giovani e per i giovani. La passione educativa, infatti, per sua natura non può far altro che aiutare chi sta crescendo a cercare, cogliere e sperimentare quello stupore che tocca le corde più profonde dell’anima. Lo sa bene Cristina Ruffini, pedagogista e autrice, assieme a Mauro Canziani, appassionato di botanica, di un libro che definirei “magico”: “Alex, Pongo e il Diciassei”.

Un incontro speciale tra il mondo dell’educazione e quello del verde, tra la riflessione pedagogica e un’immersione incantevole nella natura.

L’universo delle piante diventa preludio a una storia che aiuta a conoscere e riconoscere tanti alberi, a capirne le proprietà e a meravigliarsi per ciò che di prezioso ci donano.

Una meraviglia che ha suscitato anche in me la curiosità di proporre un’ “intervista doppia” ai due autori, che così hanno risposto per i lettori del nostro blog.

Continua a leggere ““Alex, Pongo e il Diciassei””