Scatta l’ora legale con Ficarra e Picone!

E’ stata una mattinata speciale quella vissuta oggi dagli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado e dalle classi quinte della Scuola Primaria.

Ficarra e Picone, i popolari conduttori di Striscia la Notizia, sono stati nostri ospiti per portare una testimonianza personale nell’ambito del progetto legalità di quest’anno scolastico, “L’Ora Legale”, che ha preso il nome dall’omonimo loro film.

All’inizio della mattinata sono stati accolti dai bambini della Scuola Primaria, che in saloncino hanno cantato “Giullare dei Campi”.

In seguito, in un’intervista esclusiva hanno raccontato da dov’è nata l’idea del film, quali sono i messaggi profondi che intende trasmettere e cosa significa per loro fare la scelta giusta.

Il loro stile unico e inconfondibile ha contagiato tutti gli studenti, che hanno avuto anche la possibilità di porre qualche domanda.

Grazie, a nome di tutta la scuola, a Ficarra e Picone, che hanno dimostrato la loro generosità e la loro profondità.

Ecco le foto con tutte le classi!

E’ con noi l’Ispettrice!

 “Suor Maria Teresa,
noi qui all’Infanzia abbiamo una sorpresa,
un grande GNOMO abbiamo incontrato,
FIORE è da noi chiamato.
Porta pace e allegria,
un regalo, una magia
e una bella melodia,
che noi cantiamo qui per te: un due tre…”
Così stamattina i bambini della Scuola dell’Infanzia hanno accolto la nostra Ispettrice suor Maria Teresa Cocco. Ecco un paio di foto del bellissimo momento.

Scultori in 2°B

Anche la 2^B oggi si è cimentata nella scultura con argilla e gesso, grazie al laboratorio guidato da Elena Mariani, art educator, che ha proposto ai ragazzi una coinvolgente attività per realizzare medaglioni e opere d’arte. Gli sguardi dei ragazzi, e il loro impegno, dicono tutto!

Scriviamo come nel Medioevo

Questa mattina i ragazzi di prima hanno avuto l’opportunità di sperimentare attivamente come si scriveva in un vero Scriptorium Medievale.

Grazie alla guida di Elena Mariani, esperta di arte e art educator, si è partiti da uno studio sulle lettere gotiche per poi riprodurle su pergamena con il pennino e decorarle con una sottilissima foglia d’oro.

Entusiasti i ragazzi, che si sono confrontati con una modalità di scrittura così lontana rispetto all’attualità, ma in fondo così affascinante.